un impiegato in favela

Toca, uomo di fatica

In Finestra sulla favela Rocinha on 1 settembre 2012 at 21:15

Schiavi dell’antichità

In favela sono frequenti i problemi pratici dei quali la risoluzione richiede fatica fisica. È uno degli effetti dello stato di abbandono ai danni di questi agglomerati urbani scomposti e densi di umanità da parte dei Governi e degli altri uomini. Salta la corrente elettrica, i tubi dell’acqua perdono, sono necessari lavori di ristrutturazione in favore di aree di pubblica utilità; quale che sia il problema, sono agli abitanti a doversi arrangiare: nessuno accorre in loro aiuto. In alternativa c’è la rinuncia ai servizi di energia elettrica per esempio, o la convivenza con rivoli d’acqua e fogna che sgorgano dalla strada, misteriosi e improvvisi, stigmate di una terra abbandonata e martoriata. Così non è difficile trovare uomini come Toca, subito pronti a lavori di fatica, abituati a scattare dove ci sia la necessità senza proferire una parola.

Toca è l’autista di van (furgone) di fiducia della Onlus Il Sorriso dei miei Bimbi per servizi di trasporto delle donazioni: dalle valigie che arrivano dall’Italia con vestiti e regali per bimbi e giovani, fino a quelle più impegnative, che arrivano dalle aziende con sede a Rio, ad esempio donazioni di mobili provenienti da uffici in dismissione: armadi, scrivanie, sedie, lavagne. Uomo basso e tozzo, dalla pelle scura e dura, le braccia forti e la parlata stretta e veloce della favela, Toca è preciso e puntuale e va oltre ciò che strettamente gli si richiede: non si limita a guidare il van, che è l’attività per la quale è pagato, ma, se si tratta di fare un prelievo di mobili appunto, ti aiuta nel trasporto degli ingombranti e pesanti doni dagli uffici al van e poi, di ritorno, dal van alla scuola della Onlus. Ti aiuta concretamente e con passione, scegliendo sempre il mobile più pensante e, se il trasporto avviene in coppia e tu sei un bianco occidentale, ex-impiegato proveniente dalla vecchia Europa, insiste per lasciarti sempre la posizione più comoda e meno faticosa. Mentre tu rifletti, ad esempio sulle possibilità di far entrare quell’armadio nel furgoncino, Toca ha già piegato la schiena e lo sta sollevando; e l’armadio alla fine c’entra sempre, in un modo che prima non ti saresti immaginato. Quando il peso è al limite del sostenibile e i corridoi degli uffici sembrano non finire mai, quando faresti una pausa per recuperare la circolazione del sangue nelle mani, Toca procede senza fiatare e con le vene del collo tirate, fino all’arrivo. Dopo, abbandonato il peso, si lancia andare ad un ironico: “questo era pesante!”, e scoppia in una risata.

Toca è esponente ed erede del popolo povero e abbandonato, abituato a subire l’invasione, sia essa ad opera dell’europeo colonizzatore, della dittatura militare, del violento esercito del narcotraffico, o del violento e corrotto esercito della polizia militare ufficiale. Per costruirsi un tetto trasportano sulla schiena i sacchi di sabbia e i blocchi di mattoni, su per i vicoli in salita della favela; se ti trovi sul loro cammino, si fermano ed aspettano che tu passi, senza dire una parola, anche quando non ti accorgi subito di loro. Umanità povera e umiliata, ghettizzata, abituata a piegare la schiena in silenzio, in difesa della vita alla quale non rinuncia. Si avvicenda chi detiene il potere, chi comanda; a questo popolo resta la forza vitale e l’amore per la vita.

Advertisements
  1. Ci stai dando dentro con il blog, eh? 😉
    Ti leggo. Quando riesco. E ti ringrazio per il Buzzatismo lasciato dalle mie parti. Chissà se tornerai da questo lato del mare.

    Mi piace

  2. Mitico Toca, anche noi siamo stati trasportati più volte, dal grande piccolo uomo. Una foto del Van ci sarebbe stata. Grazie Marco per le tue chicche.

    Mi piace

    • Ola Fik! Di solito la finestra preferisce offrire immagini con le parole (o almeno ci prova), perché chi vi si affaccia non si sente portato per la fotografia, ma – hai ragione -, in questo caso ci sta: appena lo incrocio (di solito quando non lavora ammazza il tempo giù in passarella), ti farò avere una foto di lui a bordo della sua ammiraglia!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: