un impiegato in favela

Pronto intervento

In Finestra sulla favela Rocinha, Il popolo di Rocinha on 26 aprile 2014 at 03:00

pronto intervento in #favela #autobus #finestrasullafavela

BRAM, SBRARABRAM, TOM, TOM, TOM… “Ma come, di nuovo opere al Garage letterario?”, mi dicevo risalendo la estrada da Gávea per raggiungere finalmente il nido d’aquila nel corso di un venerdì sera che seguiva una settimana intensa di lavori. “No, non è possibile, ancora martellate, chi è che martella?! Proprio qui dietro l’angolo…”, mi chiedevo perplesso mentre il traffico di fianco al marciapiede sul quale mi tenevo in equilibrio si intensificava e mi intossicava. Svoltato l’angolo, ecco un autobus, di quelli enormi per la favela, fermo in mezzo alla strada, ed ecco il suo autista che assisteva all’opera di un ragazzo con il cappellino, le havaianas e la canottiera sbucato all’improvviso da un antro. Ah, ecco che cos’era, era il meccanico che lavora qui dietro: tirava martellate violente contro un pezzo di lamiera tagliente e frastagliato che fuoriusciva dalla carrozzeria dell’autobus.

L’autobus, percorrendo un tornante di favela, aveva agganciato un palo della luce, e questo aveva scorticato un pezzo di lamiera della parte posteriore di quello. Nell’ora di punta, con decine di  moto-taxi al seguito e altri camion e altri veicoli uno sull’altro, con gli abitanti di Rocinha ammassati a bordo del mezzo pubblico, con i finestrini appannati dalla fatica di una settimana di lavoro e dall’ultima fatica causata dall’aver dovuto attendere l’autobus quarti d’ora infiniti, proseguire con un pezzo di lamiera penzolante sarebbe stato impossibile, e i passeggeri avrebbero dovuto scendere e continuare a piedi, oppure attendere altri quarti d’ora; ma altrettanto impossibile sarebbe stato l’intervento del servizio pubblico che chi l’ha mai visto. Il meccanico che lavora qui dietro, con il cappellino, le havaianas e la canottiera, in meno di un minuto aveva afferrato un martello molto pesante e… BRAM, SBRARABRAM, TOM, TOM, TOM… aveva divelto il pezzo di autobus e l’aveva consegnato all’autista, per l’applauso finale del pubblico pagante (ovvero di chi aveva pagato il biglietto dell’autobus).

Gente di favela, pronta ad intervenire, anche per attaccare gli autobus armati di un martello, perché la vita proceda inesorabile.

pronto intervento in #favela #autobus #finestrasullafavela

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: