un impiegato in favela

Fantasia e cronaca

In Finestra sulla Sierra Leone Il ritorno on 15 luglio 2015 at 10:41

Da Finestra sulla Sierra Leone Il ritorno, di Un impiegato in favela

Fantasia e cronaca

Non si vedono le farfalle, non si vedono ancora, ci sono e si esibiranno tra pochi battiti di ali. Lascia che piova forte, lascia che torni il sole, lascia che piova e che torni il sole, e sfodereranno le ali dalla terra. Si lasceranno solleticare dai fili d’erba e si uniranno tra loro in una nuvola d’ali delicate. Cercheranno il cielo, ogni giorno diverso. Lo cercheranno tutte ma molte di loro non lo raggiungeranno: stormi di volatili in picchiata ingoieranno le ali e i corpi filiformi, e le obbligheranno al ritorno alla terra; altre non riusciranno a staccarsi dal fango: orde di agama le avranno masticate prima. Gli agama agama, i rettili dell’arcobaleno, dal collo arancione e giallo e grigio e la coda dei colori dell’arcobaleno, si piegano sulle zampe nervosamente, scattano con la testa giù e su, su e giù, strabuzzano gli occhi rotondi, catturano le farfalle della terra srotolando la lingua, dominando lo strato terrestre. Qui, cedono il passo solo ai colombi, che, quando arriva il momento delle farfalle, si dimenticano delle ali e prendono a ciondolare come papere. Agama e colombi insieme contro lo svolazzare delle farfalle che nascono dal fango; ma resisterà la nuvola leggera e di essa si scorgerà appena il brillare tra gli intrecci di foglie e rami, lungo i sentieri. L’ebola non se ne va. Sette nuovi casi: cinque dalle parti della Magazine Wharf, uno a Kambia, e un altro Suliman Kamara qui sulla Peninsular Road se n’è andato per l’ebola, e con lui oggi altri tre. Non ce lo aspettavamo. L’elettricità pubblica ha funzionato tutto il giorno, perché sta piovendo tutti i giorni. Il rombo dei generatori cede al gracchiare delle gazze, le formiche invadono i cassetti e ti pizzicano i polpacci, i bruchi strisciano sul pavimento di legno, i nidi di ragno brillano di rugiada. Presto pioverà tutti i giorni tutto il giorno. Chissà se anche allora dal fango continueranno a levarsi nuvole di farfalle e dalla terra e dal mare un cielo ogni giorno diverso.

Un impiegato in favela

Chi è che sta in favela?

Finestra su cosa?

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: